Pensa Verde: chiarimenti e sensibilizzazione sulla raccolta differenziata

Perugia, 13 ottobre 2010. L’iniziativa “Pensa Verde” organizzata da Gesenu al 110 Cafè ha rappresentato un luogo di chiarimento oltre che di riflessione sulla raccolta differenziata, in particolar modo quella messa a punto nel Comune di Perugia.

La dottoressa Franca Caramello – responsabile della comunicazione di Gesenu – ha spiegato come i rifiuti vengono separati nei vari impianti presenti nel perugino, fugando ogni dubbio relativo alla non separazione dei rifiuti una volta raccolti. In effetti il luogo comune della popolazione è il dubbio che una volta separati i rifiuti, chi gestisce la raccolta differenziata, metterà “tutto insieme”, facendo risultare in questo modo vani gli sforzi domestici di separazione dei rifiuti. Le delucidazioni della dott. Caramello sono state utili a far capire come funzionano gli impianti di separazione e smaltimento e cosa avviene una volta raccolti i materiali. Questi vengono separati e consegnati ai Consorzi di Filiera (Corepla , Coreve, Cial, Comieco, Cna, Rilegno). I Consorzi di Filiera, guidati dal Conai (Consorzio Nazionale Recupero Imballaggio) si occuperanno della gestione delle piattaforme e della trasformazione dei materiali recuperati in nuove risorse. Quindi sostanzialmente l’attività dei Consorzi di Filiera serve a far “rinascere” i materiali recuperati per dar vita a nuovi oggetti come possono essere, caffettiere in alluminio, indumenti in pile, padelle, pentole, bottiglie in plastica o vetro, vasi e così via.

A seguire la parte “emozionale” dell’incontro: l’intervento di Luca Pagliari che ha presentato vari video di alcune campagne di comunicazione da lui realizzati per sensibilizzare ai temi dell’ambiente e il video del format Clean Up. Con questo format Pagliari intende sensibilizzare i ragazzi ad una riflessione sui comportamenti quotidiani nei confronti dell’ambiente ed in particolare del recupero dei RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) il cui consorzio di filiera è ECODOM (Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici). I RAEE, come gran parte dei rifiuti, costituiscono una risorsa importante e preziosa. Inoltre ha presentato alcune immagini di un toccante documentario che mostra la distruzione del villaggio messicano di Naha. Questo documentario ha permesso di riflettere sull’associazione che c’è tra la distruzione di un luogo incontaminato come una foresta messicana e le nostre strade piene di immondizia: distruggere una foresta in Messico ha lo stesso peso che abbandonare sacchetti d’immondizia nelle strade italiane poiché – come l’antropologa Agnese Sartori, realizzatrice del documentario – ”Naha è qui, Naha siamo noi”.

Ha concluso l’incontro una sfilata di abiti realizzati dalle ragazze dell’Ipsia di Perugia, completamente realizzati con materiali riciclati o riutilizzati, e un innovativo Eco-aperitivo che ha intrattenuto tutti i partecipanti all’incontro.

Torna alla home

Condividi

Energia, ambiente e risorse naturali
Register New Account
Reset Password
Compare items () compare