La produzione di vino diventa “verde”: il progetto “zero emissioni”

Siamo a Montepulciano (SI), cittadina che vanta un’ottima produzione del vino, grazie alla presenza delle sue numerose cantine. Michele Manelli, amministratore delegato della cantina Salcheto, ha un progetto piuttosto ambizioso, quello di dimostrare che un produttore di vino di alta qualità italiano può diventare azienda a emissioni zero, per mettere sulle sue bottiglie un bollino verde e anche per creare un sistema, dalla vigna fino alla cantina e all’imbottigliamento energeticamente rinnovabile e autonomo, creando così un modello replicabile per l’intera agricoltura italiana.

Un obiettivo non facile, specie per un’azienda di una ventina di dipendenti sulle colline toscane e da 350mila bottiglie prodotte ogni anno. Un tipico produttore vinicolo italiano di alta qualità, ma con volumi limitati ed economie di scala ridotte. Anche se con prodotti ad alto valore aggiunto (il vino Nobile di Montepulciano), buoni introiti e disponibilità di investimenti.

Manelli si propone di raggiungere il traguardo delle emissioni zero per ogni bottiglia di vino prodotta. Questo significa innanzitutto trattare con il materiale in vetro. Per raggiungere l’obiettivo “zero emissioni” si procederà con l’acquisto di bottiglie a “chilometro zero” (prodotte in Toscana e non importate) significa circa un 10% di emissioni in meno (20 grammi di Co2 risparmiate su 1,8 chili stimati per bottiglia). Ma il cuore di questo progetto sta nell’autonomia energetica rinnovabile del sistema di produzione.

Per dare un po’ di dati. 350 mila bottiglie significano infatti circa 556mila chilowattora annue di energia fossile consumata, dalla coltivazione all’imbottigliamento (oggi è il Gpl il combustibile di riferimento per l’azienda). E di queste, secondo le stime della Salcheto (che vi sta lavorando con l’Università di Siena) il 53% può venire dal risparmio e dall’efficienza energetica, il 30% dalla combustione delle biomasse di risulta delle vigne (i cosiddetti sarmenti triturati in scaglie – cippato – per le caldaie), il 15% dal freddo generato dal condizionamento della cantina via pompe di calore, e il 2% da un impianto fotovoltaico a 20 kilowatt installato in un campo marginale. Risultato: a regime il 100% o quasi di autonomia energetica. Ma a quale costo? Manelli spiega che «le vigne già di per sé sono a emissione zero. Il recupero e la combustione dei sarmenti, nonostante siamo in collina e non possiamo ancora usare robot di raccolta, l’abbiamo già verificato con attenzione. E siamo allineati sul costo del Gpl».

www.ilsole24ore.com

Condividi Torna alla Home

Energia, ambiente e risorse naturali
Register New Account
Reset Password
Compare items () compare