Klimahouse Umbria 2010: le soluzioni ecosostenibili

Si è conclusa con successo la quinta edizione di Klimahouse Umbria, kermesse dedicata all’efficienza energetica e alla sostenibilità in edilizia. La crisi economica impone spunti di riflessione che richiedono una nuova visione ecosostenibile anche per il settore edilizia. Una grande opportunità che occorre saper cogliere. Molte sono state le innovazioni proposte.

Bianchini Energy – azienda che si occupa di energia rinnovabile – propone innovazioni per l’integrazione architettonica, impianti integrati, moduli fotovoltaici con 25 anni di garanzia sulla producibilità e 10 sul prodotto. Andrea Morbidelli – responsabile Bianchini Energy – afferma che l’azienda cura in particolar modo la qualità dei suoi prodotti per dare le massime garanzie ai clienti nel mercato. Bianchini Energy nasce a Città di Castello, ma opera sul mercato nazionale e principalmente nel centro Italia, in regioni come Umbria, Lazio, Marche ed Emilia Romagna,e in minima parte anche nel mercato internazionale. Sempre Morbidelli afferma che l’azienda “opera in un mercato molto dinamico e pertanto è molto attenta agli sviluppi quotidiani dello stesso, per questo Bianchini brevetta nuovi prodotti e gestisce molti uffici tecnici per controllare le dinamiche di mercato”. L’innovazione presentata alla fiera è un pannello fotovoltaico a film sottile, in vetro e alluminio, quindi adatto alle facciate degli edifici in quanto permette un’integrazione architettonica totale.

Un altro settore particolarmente attento all’efficienza energetica e alla sostenibilità delle proprie tecnologie e attrezzature è quello dell’illuminotecnica. Un settore in cui il tessuto industriale e istituzionale della Regione Umbria investe molto – come dimostrato dalla creazione della scuola professionale per illuminotecnica sostenibile inaugurata pochi giorni fa nel centro ambientale Mola Casanova. Sts- Servizi e tecnologie per lo sviluppo, si occupa di illuminazione a risparmi energetico in particolare di illuminazione a led. Sts – azienda perugina – ha una divisione il cui nome è Ecolumen che provvede a fornire tutti i tipi di illuminazione a led sia da interni che da esterni, ma anche illuminotecnica stradale. Sts è riuscita a realizzare e a presentare a Klimahouse un’illuminazione a led che riesce ad aprire l’angolo di illuminazione e quindi il cono d’illuminazione da 30 a 180 gradi, avendo così una luce che può proiettare direttamente a terra o proiettare in maniera omogenea diversificata nell’ambiente circostante. La qualità del prodotto a led presentato da Sts, in particolare con la linea Ecolumen, permette di avere un notevole risparmio. Alfredo Bellisario – project manager – afferma che “dieci lampadine a led consumano al pari di una lampadina normale”. Quella proposta da Sts è una tecnologia che non ha bisogno di manutenzione poiché viene garantita per 50000 ore, prodotta con materiali riciclati, non emette gas inquinanti nell’aria, quindi si può definire totalmente sostenibile poiché permette un risparmio totale. Nell’ambito della fiera è stata lanciata proprio la linea Ecolumen, linea di illuminazione sia da interni che da esterni, destinata a spazi pubblici, locali commerciali, industriali, uffici. Il prodotto principale è il led. L’azienda opera in ambito europeo. Sostanzialmente quello dell’illuminotecnica a led è un mercato di nicchia, i prodotti dell’azienda Sts si rivolgono sia a realtà aziendali piccole che alle amministrazioni pubbliche.

Sempre nell’ambito delle energie rinnovabili opera un’altra azienda del perugino come Ecoenergia Becchetti spa. L’azienda produce apparecchiature ad alto contenuto tecnologico e innovativo – come afferma l’ingegner Peletti – “per dare una svolta nell’ambito del risparmio energetico”. Le innovazioni principali dell’azienda presentate a Klimahouse sono dei pannelli solari fotovoltaici, una pompa di calore, degli impianti a pavimento. Per quanto riguarda il fotovoltaico Becchetti presenta alcune tipologie di fotovoltaico innovativo, da quelli a vetro trasparente adatto soprattutto a soluzioni in cui si guarda al lato estetico dell’attrezzatura, ma anche sistemi fotovoltaici integrati con il termico, che aumentano l’efficienza del pannello e allo stesso tempo permettono di ridurre gli ingombri dei sistemi sulle nuove abitazioni. “L’azienda” – afferma Peletti – “opera nel mercato locale umbro e cerca di dare una formazione eccellente sia agli operatori che ai clienti finali”. È importante che le aziende che operano in questo settore svolgano anche il ruolo formativo per i clienti o potenziali clienti fornendo tutti i chiarimenti relativi alle novità del mercato e ai sistemi nel loro insieme.

Ma a Klimahouse – fiera sull’edilizia sostenibile – si sono confrontate soprattutto varie realtà aziendali che operano in campo dell’edilizia “verde”. Lingna Construct è un’azienda del Sud Tirolo nota per l’elevata qualità del prodotto e per aver adottato da vari anni una tecnica costruttiva che consente di realizzare edifici totalmente in bioedilizia. L’attività di ricerca di Ligna Construct è basata soprattutto sul conferire al suo prodotto caratteristiche che consentono ottime prestazioni sia estive che invernali. L’azienda ha esposto nel proprio stand grafici relativi al monitoraggio dell’andamento di una costruzione Ligna Construct: da questi si è potuto notare che a fronte di una temperatura esterna superiore ai 35 gradi, all’interno della costruzione la temperatura non ha mai superato i 26 gradi. E questo grazie alle ottime qualità dell’involucro che permettono una resa eccellente. Un aspetto preminente nell’attività di ricerca di Ligna Construct è efficienza estiva delle abitazioni: spesso in bioedilizia si commette l’errore di sopravvalutare le prestazioni invernali a discapito di quelle estive. Ligna Construct operando non solo su tutto l’arco alpino, ma anche nel centro Italia non può sottovalutare le elevate temperature a cui è esposta la zona nei periodi estivi.

Si continua a parlare di edilizia sostenibile – tipicamente umbra – con l’attività di Cost, Sistema Legno. Azienda di Bettona (Perugia) si occupa della costruzione di pannelli in legno lamellare, che rappresentano come afferma Alessio Costantini – direttore vendite Cost Sistema Legno – “l’ultima frontiera nelle costruzioni in legno”. “L’azienda” – continua Costantini – “ha introdotto nell’ultima edizione di Klimahause delle visite guidate per far toccare con mano la tecnologia e la cultura aziendale relativa ai pannelli e ai sistemi costruttivi in legno lamellare”. L’azienda umbra si muove nel mercato nazionale dei privati, delle imprese edili, ma anche in ambito internazionale grazie all’attività degli export manager che seguono progetti di realizzazione in Francia, in Africa e in Sud America.

Possiamo notare che anche in piccole realtà, come può essere quella umbra, le aziende si muovono verso le nuove frontiere dell’economia verde e si impegnano sempre più nella realizzazione di prodotti ecosostenibili. Il binomio tra profitto economico e tutela dell’ambiente in questo modo non appare più antitetico, ma anzi una buona possibilità da sfruttare per costruire l’economia su nuovi presupposti per un futuro migliore e realmente sostenibile.

www.ligna-construct.com

www.costsrl.com/ita/sistema_q_4.htm

www.ecoenergiabecchetti.it

www.bianchinienergy.it

www.sts-servizi.it

Condividi

Energia, ambiente e risorse naturali
Register New Account
Reset Password
Compare items () compare