Fotovoltaico partecipato nel veronese: il progetto Energyland

Nasce il progetto EnergyLand sulle colline venete. Germano Zanini, presidente del progetto EnergyLand e di For Green Spa, ha pensato di realizzare un innovativo progetto di “fotovoltaico partecipato”. Ci sono almeno trenta milioni di italiani che vorrebbero istallare un impianto fotovoltaico sul tetto, ma non possono. Quindi Zanini propone un progetto per “fare filiera tra produttori e consumatori usando la finanza del territorio per il territorio e abbattendo i costi dell’energia”. Il risultato sarebbe il fotovoltaico “popolare”, ovvero un grande impianto al quale partecipano le famiglie. La prima fase del progetto patrocinato dal Ministero dello Sviluppo Economico , la Regione Veneto e la Camera di Commercio di Verona risale alla scorsa estate, quando, con la nascita della finanziaria Finval, sono stati raccolti un milione di euro. Il sito per l’impianto avrà la potenza di un Megawatt di picco sarà ubicato nel veronese, in località Ozzi d’Arzerè. La seconda fase è stata realizzata da una rete di 22 imprese del territorio chiamata “Energy for life” pronte a realizzare l’impianto. Infine ci sono i cittadini: il campo verrebbe venduto a un consorzio di famiglie e imprese chiamato Energyland. I cittadini hanno iniziato la sottoscrizione per una quota minima di un chilowatt per un massimo di 4 mila euro di investimenti. Secondo i promotori in 20 anni una famiglia con un impianto di queste dimensioni può maturare ricavi per circa 25 mila euro, eliminando i costi della bolletta.

Condividi www.ilsole24ore.com

Energia, ambiente e risorse naturali
Register New Account
Reset Password
Compare items () compare