Cresce il mercato delle fonti rinnovabili

Secondo il rapporto “Solar generation 2010″ pubblicato da Greenpeace ed Epia (Associazione europea delle industrie fotovoltaiche) l’energia solare potrà soddisfare il 5% del fabbisogno elettrico mondiale entro il 2020 e il 9% al 2030. Il rapporto si inserisce in un contesto di forte rilancio delle fonti rinnovabili. Dal 2008 a livello globale gli investimenti nelle rinnovabili hanno superato quelli sulle fonti convenzionali.

In particolare nel fotovoltaico – sempre a livello globale – nel 2009 sono stati investiti 35 miliardi di euro e si prevede di arrivare a 70 miliardi nel 2015. La crescita di volumi di venduto permetterà così di continuare nel progressivo abbattimento dei costi: nei prossimi cinque anni il costo dei moduli fotovoltaici scenderà del 40%, dopo essere già sceso della stessa percentuale dal 2007 a oggi. In questo modo – secondo il rapporto- il prezzo dell’energia prodotta dal solare potrà competere con quello delle altre fonti energetiche, anche senza gli incentivi pubblici. E nei paesi in cui la rete elettrica non copre una parte significativa del territorio, entro il 2030 il solare darà la possibilità a due miliardi di persone di accendere una lampadina e attivare un frigorifero. Domenico Belli, responsabile della campagna energia e clima di Greenpeace, spiega che «Il solare fotovoltaico è una soluzione che risponde all’esigenza urgente di produrre energia pulita e rispettosa dell’ambiente l’Italia è tra i Paesi più attivi, con quasi 1 miliardo di investimenti». Un mercato e un’energia destinati a crescere nei prossimi tre/cinque anni, quindi, il fotovoltaico sarà una realtà per la maggior parte dei Paesi industrializzati, dove il costo dell’energia è sempre molto alto.

Condividi

Torna alla Home

Energia, ambiente e risorse naturali
Register New Account
Reset Password
Compare items () compare