ABB completa le nuove strutture per prove di accettazione per sistemi oil and gas. Progetto sviluppato in collaborazione con il CESI SpA

Sesto San Giovanni (Milano) – ABB, il gruppo leader nelle tecnologie per l’energia e l’automazione, ha annunciato oggi il completamento delle sue nuove strutture d’eccellenza per realizzare prove di apparecchiature elettromeccaniche presso la sede del CESI di Milano. Le strutture saranno utilizzate per testare la capacità di carico e l’affidabilità di grossi motori e azionamenti in media tensione utilizzati in una vasta gamma di applicazioni oil and gas, dalle piattaforme offshore ai siti di produzione remoti.ABB ha lavorato in stretta collaborazione con il CESI – Centro Elettrotecnico Sperimentale – per sviluppare e realizzare le strutture che permetteranno di soddisfare la crescente domanda da parte degli OEM e degli utenti finali, i quali richiedono di effettuare prove a pieno carico prima dell’installazione delle apparecchiature su impianti spesso situati in aree geograficamente remote o inaccessibili. Le nuove strutture consentiranno ad ABB di consegnare macchine e azionamenti elettrici certificati che soddisfano i requisiti più severi dell’industria oil and gas, settore in cui le prove alla piena potenza nominale delle apparecchiature rappresentano spesso un obbligo. Durante la progettazione e lo sviluppo delle aree, ABB e CESI hanno eseguito uno studio specifico delle armoniche al fine di evitare l’impatto sulla rete elettrica nazionale durante le prove. Inoltre è stata posta grande enfasi sulle procedure di sicurezza per prevenire qualsiasi impatto ambientale durante i processi di prova. Il Politecnico di Milano ha eseguito una dettagliata analisi meccanica e uno studio approfondito per determinare il corretto dimensionamento della piattaforma inerziale, necessario a compensare le vibrazioni dei motori, fornendo un’area perfettamente isolata per tutte le prove.

Con una superficie totale di 1.900 metri quadrati, l’area comprende un nuovo basamento inerziale progettato appositamente per prove in back-to-back di macchine elettriche a due poli con peso fino a 70 tonnellate ciascuna e azionate da convertitore di peso e un’alimentazione fino a 70 megavolt-ampere (MVA) a 33 kilovolt (kV). Sono già state completate due sessioni di prove in back-to-back, la prima su due sistemi a velocità variabile da 13.58 MW e la seconda su due sistemi da 18.2 MW.

L’utilizzo di azionamenti elettrici a velocità variabile (ASDS – dall’inglese Adjustable Speed Drive System) per pilotare compressori e pompe è in continuo aumento nelle applicazioni oil and gas, in particolare negli oleodotti e gasdotti, nei sistemi di liquefazione gas e di re-iniezione. Questi sistemi assicurano maggiore flessibilità ed efficienza, costi di manutenzione ridotti e un minore impatto ambientale. “Queste nuove strutture rappresentano un grande successo, che sottolinea l’impegno e la competenza di ABB nel fornire servizi e tecnologie per l’industria oil and gas,” ha dichiarato Veli-Matti Reinikkala, responsabile della divisione ABB Process Automation. “La capacità di combinare i prodotti ABB con la nostra profonda conoscenza delle applicazioni, aiuterà i nostri clienti a realizzare i propri progetti raggiungendo nuovi obiettivi di produzione”.

Le strutture consentiranno inoltre di effettuare prove complete sugli azionamenti a velocità variabile (l’insieme delle apparecchiature di media tensione, come interruttori, trasformatori, motori elettrici, convertitori e filtri). Prove a pieno carico e a vuoto, prove di riscaldamento, di vibrazione e di rumore, potranno essere eseguite in conformità alle norme della Commissione Elettrotecnica Internazionale (IEC) e ai requisiti dei clienti finali, comprese le norme più rigorose che regolano il settore oil and gas.

“ABB in Italia ha voluto ampliare la propria offerta nel settore Oil and Gas” ha aggiunto Giuseppe Di Marco, responsabile locale della divisione ABB Process Automation in Italia. “Grazie a questo investimento ABB può vantare un’assoluta eccellenza a livello mondiale per questo tipo di test con tali potenze”.

“Il CESI vanta una lunga collaborazione con ABB e da sempre ne sostiene i grandi progetti di studio e sviluppo tecnologico” ha affermato Matteo Codazzi, Amministratore Delegato di CESI. “In questa circostanza abbiamo messo a disposizione di ABB le nostre competenze internazionali nella progettazione e realizzazione delle facilities e proseguiremo fornendo ai nostri partner e clienti servizi avanzati di certificazione e misura nella complessa fase di prova e collaudo degli azionamenti e dei motori in un mercato in grande espansione”.

CESI SpA opera da oltre cinquant’anni in più di 35 paesi ed è specializzato nel settore elettro-energetico e ambientale. È leader nel mercato delle prove e certificazioni di apparati elettromeccanici e delle consulenze sui sistemi elettrici, con competenze che coprono tutte le fasi del ciclo di vita del sistema. ABB collabora attualmente con CESI in diversi settori di certificazione che coinvolgono prodotti di media e alta tensione. CESI è anche un rinomato organismo di certificazione per le vibrazioni dinamiche e prodotti a norme ATEX. ABB Process Automation Division fornisce ai propri clienti prodotti e soluzioni per la strumentazione, l’automazione e l’ottimizzazione dei processi industriali. Le industrie servite comprendono il settore oil and gas, energetico, chimico e farmaceutico, cartario, metallurgico e minerario, navale e dei turbocompressori. I benefici ottenuti dai clienti sono legati a una maggiore produttività degli impianti e al risparmio energetico. ABB (www.abb.com) è leader nelle tecnologie per l’energia e l’automazione che consentono ai clienti delle utility e delle industrie di migliorare le loro performance, riducendo al contempo l’impatto ambientale. Le società del Gruppo ABB impiegano circa 124.000 dipendenti in oltre 100 Paesi.

Condividi

Torna alla Home

Energia, ambiente e risorse naturali
Register New Account
Reset Password
Compare items () compare