La rivoluzione dalla Svizzera: l’aria diventa acqua da bere

aria da bereTrasformare l’aria che respiriamo in acqua potabile senza inquinare l’ambiente? Adesso è possibile. L’innovativa tecnologia arriva dalla Svizzera; Seas (Societè de l’Eau Aerienne Suisse), la società di Riva San Vitale (Ticino) ha progettato e realizzato il sistema Awa Modula (Air to Water to Air) che è in grado di catturare l’umidità presente nell’atmosfera e trasformarla in acqua potabile di alta qualità. Si parla di ottenere fino a 10.000 litri di acqua al giorno e tale macchina funziona ovunque, anche in zone aride come il deserto, poiché è alimentata ad elettricità e quindi consente l’uso di fonti rinnovabili, dall’energia solare a quella eolica. Al contempo, restituisce aria fredda per la climatizzazione e calore per il riscaldamento di acqua sanitaria. Questa tecnologia permette di avere a disposizione una fonte praticamente inesauribile di acqua, riducendo costose infrastrutture, inquinanti (non ci sono scarti) e trasporti. Si può infatti ottenere acqua potabile di qualità, arricchita di sali minerali; ma anche acqua per uso agricolo (serre e allevamenti), oppure acqua distillata per uso alimentare, farmaceutico, ospedaliero e industriale. La tecnologia garantisce un impatto ambientale basso o nullo. A differenza delle tecnologie ad osmosi inversa (desalinizzazione, depurazione delle acque, trattamento delle acque reflue, ecc…), quella di Seas non rilascia impurità nell’ecosistema locale e offre una fonte illimitata e inesauribile di acqua potabile. La rivoluzione che questo sistema può rappresentare per il mondo interno è ancora più evidente alla luce dei dati allarmanti sulla crisi globale dell’acqua: 880 milioni di persone in tutto il mondo non hanno accesso all’acqua potabile e 3,4 milioni muoiono ogni anno per la mancanza di questo bene o per malattie correlate.  

Energia, ambiente e risorse naturali
Register New Account
Reset Password
Compare items () compare