L’impatto ambientale delle nuove banconote da 100 e 200 €

impatto ambientale banconote nuove da 100 e 200 €impatto ambientale banconote nuove da 100 e 200 €Anche le nuove banconote da 100 e 200 € rispettano l’ambiente

Nuove-Banconote-da-100-e-200-Euro-1

Il 28 maggio 2019 sono entrate in circolazione in via ufficiale le nuove banconote da 100 e 200€ che completano così la nuovissima serie di Euro stampati dalla BCE denominata serie Europa. Per essere pronta alla distribuzione di queste nuove banconote, la BCE ha dovuto commissionare la produzione di 3 miliardi di nuove banconote, rispettivamente 2,3 miliardi di banconote da 100 euro e 700 milioni di banconote da €200,

Molte sono le novità di questi nuovi biglietti, alcune delle quali già presenti nei tagli da 5, 10, 20 e 50€ entrati in circolazione rispettivamente nel 2013, 2014, 2015 e 2017. Molte di queste novità sono state introdotte per diminuire il rischi di falsificazione delle banconote ma anche per ridurre l’impatto ambientale banconote.

L’impatto ambientale banconote

Nel sito ufficiale della BCE, possiamo leggere come l’istituzione europea abbia un occhio di riguardo per le tematiche ambientali. Citiamo testualmente:

” La BCE è un’istituzione attenta all’ambiente, che si impegna al massimo per assicurare un uso prudente delle risorse naturali, preservare la qualità ambientale e tutelare la salute umana nel processo di fabbricazione e approvvigionamento delle banconote in euro. Il Sistema di gestione ambientale garantisce che la produzione dei biglietti in euro e delle loro principali materie prime abbia il minore impatto ambientale possibile, richiedendo a tutte le società coinvolte nel processo di produzione la piena conformità allo standard internazionale ISO 14001 (Environmental Management Systems – Requirements and guidance for use).”

Fatta questa doverosa premessa dobbiamo per forza di cosa snocciolare un po’ di numeri che possano quantificare meglio l’impatto ambientale di questi nuovi 3 miliardi di banconote. E’ la stessa BCE ad affermare di aver effettuato uno studio in tal senso in occasione dell’introduzione dei biglietti in euro, uno studio che comprendeva le possibili soluzioni per migliorare sotto questo profilo il prodotto ed i processi in atto per realizzarli.

Torniamo a citare ufficialmente:

“Lo studio, effettuato in conformità dello standard ISO 14040 e segg., ha interessato l’intero ciclo di vita dei biglietti: la produzione delle materie prime, la stampa, l’immagazzinaggio, la circolazione, la selezione delle banconote usate e lo smaltimento finale. La valutazione ha tenuto conto dei dati di processo raccolti presso tutti i fornitori nella catena di approvvigionamento delle banconote in euro, delle informazioni specifiche sulle materie prime impiegate e della letteratura concernente i processi standard, quali l’erogazione di energia elettrica e il trasporto (tratti prevalentemente dalla banca dati Ecoinvent 2000). La base di calcolo era rappresentata dal volume di produzione del 2003, pari a circa 3 miliardi di biglietti nei sette tagli, per un peso complessivo intorno alle 2.500 tonnellate.

Le banconote in euro sono state concepite per essere utilizzate quotidianamente; pertanto il loro impatto ambientale banconote è stato posto a confronto con quello di altre attività giornaliere. Dalla valutazione è emerso che l’impatto ambientale complessivo dei 3 miliardi di biglietti in euro prodotti nel 2003 equivaleva a quello derivante da 1 km percorso in automobile o da una lampadina da 60 W tenuta accesa per 12 ore da ogni cittadino europeo.”

Altre caratteristiche che  riducono l’impatto ambientale banconote

Contabanconote professionale-SDSP-20-MGUVMTDD

C’è da sottolineare come, rispetto alla serie precedente, i nuovi biglietti da 100 e 200 € siano riconoscibili per le loro dimensioni ridotte. Sono infatti più piccole di 5 millimetri rispetto alle precedenti così da unificarle alle dimensioni delle banconote da 50 euro.  Banconote da 50, 100 e 200 euro della stessa altezza saranno più facili da maneggiare e potranno essere trattate in modo più efficiente dalla contabanconote miste in questione.

Tuttavia ci sono anche tutta un’altra serie di caratteristiche destinate ad aumentare la loro resistenza. Infatti le nuove banconote resistono meglio ad alte temperature, e possono anche essere stirate e lavate in lavatrice, riducendo i cicli di sostituzione con una taglio evidente di costi e impatto ambientale.

L’ impatto ambientale delle banconote false

Quando parliamo di denaro dobbiamo però riferirci anche al denaro falso. Anche le banconote false hanno un impatto ambientale! Purtroppo però non conosciamo il numero di banconote false in circolazione e quindi non possiamo fare stime sul loro impatto ambientale. L’unica cosa che puoi fare è proteggerti dai tentativi di truffa acquistando un verificatore di banconote.

Energia, ambiente e risorse naturali
Register New Account
Reset Password
Compare items () compare