Che fine farà Spelacchio? In un museo di Roma

spelacchioSembra proprio deciso il destino dell’Albero di Natale più famoso del mondo. Si chiama Spelacchio, ma ormai tutti lo conoscono ed è diventato l’emblema di una Roma che dal suo declino sembra tirar fuori quelle idee tipiche della capacità creativa del popolo italiano.

Infatti l’ultima idea balenata in testa a qualche solerte funzionario e subito ripresa in pompa magna dalla Sindaca Raggi sarebbe quella di metterlo all’interno di un Museo Capitolino, far pagare il biglietto per vederlo e magari una “guida esperta” potrebbe spiegarne la provenienza, il perché è stato ridotto in quelle condizioni e la capacità dei decisori di acquisto del Comune di Roma di pagare 60.000 Euro un albero ridotto in quelle condizioni per festeggiare tutti insieme appassionatamente il Natale.

Questa trovata, direi geniale, subito ha trovato d’accordo una giunta che, non riuscendo a portare l’immondizia nei posti giusti, nei modi giusti e pagando i giusti costi, ha ben capito che in questo caso il riciclo potrebbe essere una bella soluzione.

Nell’attesa di vedere se questa decisione prenderà corpo o meno, già ci immaginiamo la fila di giapponesi a fare le foto al nostro “Spelacchio”, tour di studiosi canadesi pronti a capire come i nostri “giardinieri” hanno fatto a “distruggere” quest’esemplare di abete tipico delle nostre Alpi e wedding planner che organizzano il “fatidico sì” sotto l’ombra dell’abete più famoso al mondo.

D’altro canto dopo le polemiche un lieto (e pieno di risate) fine ci vorrebbe proprio

spelacchio-2


Last update was in: 7 giugno 2018 20:32

 

Energia, ambiente e risorse naturali
Register New Account
Reset Password
Compare items () compare