Greenbuilding: l’University 3.0 di Philadelphia con la sua facciata elettrocromica permette consumi ridottissimi

pppIl primo ad aggiudicarsi la certificazione LEED Platinum V4 è la 3.0 University Place di Philadelpia, lo spazio green al servizio degli atenei, che deve i suoi consumi ridottissimi alla facciata elettrocromica messa a punto da St. Gobain. La progettazione è un capolavoro di sostenibilità: il tetto verde protegge la copertura degli sbalzi termici e ricicla le acque piovane; il lotto è raggiungibile a piedi, in bicicletta e con i mezzi pubblici ed i consumi sono ridotti sensibilmente. I progettisti hanno stimato che ogni anno l’University 3.0 di Philadelphia rispetto ad un edificio tradizionale risparmierà quasi 3 milioni di litri d’acqua, smaltirà 50 tonnellate di rifiuti e, inoltre, eviterà di consumare ben 1.000.000 di kilowattora di energia. I ridottissimi consumi dell’ateneo dalla facciata completamente vetrata, sono dovuti alla capacità delle lastre trasparenti di cambiare colore in base alle condizioni di luminosità esterna. Quando le giornate sono particolarmente calde e soleggiate, ad esempio, le finestre cambiano automaticamente colore e si scuriscono, dimezzando l’energia necessaria per condizionare gli ambienti. Le qualità che hanno reso la 3.0 University di Philadelphia un edificio LEED Platinum, sono messe in mostra e raccontate ai visitatori nel Platinum Corridor, cioè un percorso espositivo che raccoglie le eccellenze del greenbuilding. Le migliori opere di architettura contemporanea che sono riuscite ad ottenere la certificazione LEED Platinum, si confrontano in questo spazio che vuole dare ai visitatori un’idea di come l’architettura può contribuire alla creazione di un ambiente sostenibile, tecnologico ed attento a sprechi e consumi.

Energia, ambiente e risorse naturali
Register New Account
Reset Password
Compare items () compare